«se mi stacco da te, mi strappo tutto» – Edoardo Sanguineti

Foto di Mario Dondero, Anicée Alvina, Parigi, 1968

Mario Dondero, Anicée Alvina, Parigi, 1968

 

6.

se mi stacco da te, mi strappo tutto:
                                                                  ma il mio meglio (o il mio peggio)
ti rimane attaccato, appiccicoso, come un miele, una colla, un olio denso:
ritorno in me, quando ritorno in te: (e mi ritrovo i pollici e i polmoni):
tra poco atterro a Madrid:
                                                (in coda qui all’aereo, selezionati miei connazionali
gente d’affari, dicono numeri e numeri, mentre bevono e fumano, eccitati,
agitatamente ridendo):
                                          vivo ancora per te, se vivo ancora:

Edoardo Sanguineti

da “Corollario” (1992-1996), in “Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco”, Poesie 1982 – 2001, Feltrinelli, 2010

Ballata delle donne – Edoardo Sanguineti

Foto di Elliott Erwitt

Foto di Elliott Erwitt

 

quando ci penso, che il tempo è passato,
le vecchie madri che ci hanno portato,
poi le ragazze, che furono amore,
e poi le mogli e le figlie e le nuore,
femmina penso, se penso una gioia:
pensarci il maschio, ci penso la noia:

quando ci penso, che il tempo è venuto,
la partigiana che qui ha combattuto,
quella colpita, ferita una volta,
e quella morta, che abbiamo sepolta,
femmina penso, se penso la pace:
pensarci il maschio, pensare non piace:

quando ci penso, che il tempo ritorna,
che arriva il giorno che il giorno raggiorna,
penso che è culla una pancia di donna,
e casa è pancia che tiene una gonna,
e pancia è cassa, che viene al finire,
che arriva il giorno che si va a dormire:

perché la donna non è cielo, è terra,
carne di terra che non vuole guerra:
è questa terra, che io fui seminato,
vita ho vissuto che dentro ho piantato,
qui cerco il caldo che il cuore ci sente,
la lunga notte che divento niente:

femmina penso, se penso l’umano:
la mia compagna, ti prendo per mano:

Edoardo Sanguineti

da “Il gatto lupesco”, “Le Comete” Feltrinelli,  2002

«se d’amore si muore, siamo morti, noi:»- Edoardo Sanguineti

André Kertész, Au restaurant Chartier, Paris, 1928

André Kertész, Au restaurant Chartier, Paris, 1928

 46.

   se d’amore si muore, siamo morti, noi:
                       siamo un romanzo d’appendice in atto:
                                                                                    [(anzi,
   un romanzo nazional-popolare, ma calibratamente
camuffato da romanzetto
                                                                          [rosa): (anzi,
   siamo un romanzo osé): (un rosé): (anzi, una coppia di
vegeti, di vegetanti
                                                                               [vecchietti,
   torchiati nel torpido torchio delle nozze d’argento): (a un
passo, a un pelo,
                                                                               [appena,
   da un romanzo nero): (siamo un romanzo rosso, quasi): e
noi facciamo,
                                                               [parliamoci chiaro,
   pena piena, e pietà:
              comunico le coordinate necessarie: torno da
                                                                      Como, è il 26
   settembre, sono le 21.37, ho chiesto il conto al ristorante,
prenderò il rapido
   delle 21.50, e ti ho capito: è tutto:
                       perché, per te, per me, non è possibile
   sopportarla più oltre, questa ambivalenza insolubile, nel
vino della vita che
                                                                                  [viviamo:
   questa vita, anzi: (la vita): (annacquata, innacquata): e se
ti dico e se ti scrivo che
   non sono altro che un contemporaneo, a capirmi, a
capirci, se va bene,
                                                               [abbiamo, in tutto
   e per tutto, il 25% dei nostri eredi naturali, allo stato
attuale delle cose:
   così, con tanti auguri, ti aggiungo, poi, che noi:
                                         se d’amore si vive, siamo vivi:

Edoardo Sanguineti

da “Mikrokosmos”, Feltrinelli Editore, 2004

Quattro haiku – Edoardo Sanguineti

Koho Shoda, Pino al chiaro di luna e barca, ukiyo-e, 1930 circa

Koho Shoda, Pino al chiaro di luna e barca, ukiyo-e, 1930 circa

 

1.

sessanta lune:
i petali di un haiku
nella tua bocca:

2.

l’acquario acceso
distribuisce le rane
tra le cisterne:

3.

è il primo vino:
calda schiuma che assaggio
sulla tua lingua:

4.

pagina bianca
come i tuoi minipiedi
di neve nuova:

Edoardo Sanguineti

da “Corollario” (1992-1996), in “Edoardo Sanguineti, Il gatto lupesco”, Poesie 1982 – 2001, Feltrinelli, 2010