«Mi fu data dagli dei –» – Emily Dickinson

Nina Leen, A student daydreaming during class, 1947

[454]

Mi fu data dagli dei –
che ero bambina –
Ci fanno regali – si sa – perlopiú
quando siamo nuovi – e piccoli.
Io la tenevo in mano –
non l’ho mai posata –
non osavo mangiare – né dormire –
per paura che andasse via –
Udivo parole come «ricca» –
mentre correvo a scuola –
da labbra agli angoli delle strade –
e cercavo di resistere a un sorriso.
Ricca! Ero io proprio – a essere ricca –
a prendere il nome dell’oro –
e oro possedere – in barre massicce –
La differenza – mi rendeva fiera –

Emily Dickinson

(Traduzione di Silvia Bre)

da “Uno zero più ampio”, Einaudi, Torino, 2013

∗∗∗

[454]

It was given to me by the Gods –
When I was a little Girl –
They given us Presents most – you know –
When we are new – and small.
I kept it in my Hand –
I never put it down –
I did not dare to eat – or sleep –
For fear it would be gone –
I heard such words as «Rich» –
When hurrying to school –
From lips at Corners of the Streets –
And wrestled with a smile.
Rich! ’Twas Myself – was rich –
To take the name of Gold –
And Gold to own – in solid Bars –
The Difference – made me bold –

Emily Dickinson

da “The Poems of Emily Dickinson”, The Belknap Press of Harvard University Press, Cambridge (Mass.), 1955

«Tre volte al mio respiro dissi addio» – Emily Dickinson

Nicoletta Thomas, Le finestre dell'anima

Nicoletta Thomas, Le finestre dell’anima

 

598

Tre volte al mio respiro dissi addio
e per tre volte non mi volle lasciare,
ma cercò di agitare il debole ventaglio
che l’acqua si sforzava di fermare.

Per tre volte le onde mi sospinsero in alto,
mi ripresero, poi, come una palla,
fecero smorfie azzurre sulla mia
faccia, e lontano spinsero una vela

che strisciava, distante qualche lega,
ed amavo vederla, pensando, nella morte,
com’era bello osservare quel punto
dov’eran volti umani.

Si fece sonnolenta l’onda, non il respiro.
Si cullavano i venti come bimbi,
e poi il sole baciò la mia crisalide
ed io mi alzai per vivere.

Emily Dickinson

c.1862

(Traduzione di Margherita Guidacci)

da “Tutte le poesie”, “I Meridiani” Mondadori, 1997

∗∗∗

598

Three times – we parted – Breath – and I–
Three times – He would not go –
But strove to stir the lifeless fan
The Waters – strove to stay.

Three Times – the Billows tossed me up –
Then caught me – like a Ball –
Then made Blue faces in my face –
And pushed away a sail

That crawled Leagues off – I liked to see –
For thinking – while I die –
How pleasant to behold a Thing
Where Human faces – be –

The Waves grew sleepy – Breath – did not –
The Winds – like Children – lulled –
Then Sunrise kissed my Chrysalis –
And I stood up – and lived –

Emily Dickinson

da “The Complete Poems of Emily Dickinson”, Thomas H. Johnson, ed., Boston, Mass.: Little, Brown and Company, 1929

«Fiorire – è il fine – chi passa un fiore» – Emily Dickinson

Gustave-Jean Jacquet (France, 1846 - 1909),

Gustave-Jean Jacquet (France, 1846 – 1909), “Un élégant bouquet” (détail), 1886

 

1058

Fiorire – è il fine – chi passa un fiore
con uno sguardo distratto
stenterà a sospettare
le minime circostanze

coinvolte in quel luminoso fenomeno
costruito in modo così intricato
poi offerto come una farfalla
al mezzogiorno –

Colmare il bocciolo – combattere il verme –
ottenere quanta rugiada gli spetta –
regolare il calore – eludere il vento –
sfuggire all’ape ladruncola –

non deludere la natura grande
che l’attende proprio quel giorno –
essere un fiore, è profonda
responsabilità –

Emily Dickinson

c.1865

(Traduzione di Massimo Bacigalupo)

da “Tutte le poesie”, “I Meridiani” Mondadori, 1997

∗∗∗

1058

Bloom — is Result — to meet a Flower
And casually glance
Would scarcely cause [one] to suspect
The minor Circumstance

Assisting in the Bright Affair
So intricately done
Then offered as a Butterfly
To the Meridian —

To pack the Bud — oppose the Worm —
Obtain it’s right of Dew —
Adjust the Heat — elude the Wind —
Escape the prowling Bee

Great Nature not to disappoint
Awaiting Her that Day —
To be a Flower, is profound
Responsibility —

Emily Dickinson

c.1865

da “Bolts of Melody: New Poems of Emily Dickinson”, New York: Harper, 1945

«Mi sono data a lui – e» – Emily Dickinson

Arnold Genthe, Julia Marlowe, c.1911

Arnold Genthe, Julia Marlowe, c.1911

 

580

Mi sono data a lui – e
lui mi sono presa per compenso.
Ho così chiuso
il solenne contratto d’una vita.

Ma l’acquisto potrebbe deludere
ed io alla prova potrei risultare
meno preziosa
di quanto supponga il grande compratore.

L’amore di ogni giorno
svaluta la visione;
ma finché il mercante è sull’acquisto
stanno ancora in un’isola d’aromi
i carichi squisiti della favola.

Almeno, il rischio è reciproco,
qualcuno vi scoprì pure un guadagno –
dolce peso del vivere – trovarsi
debitore ogni notte
ed insolvente ad ogni mezzodì.

Emily Dickinson

(Traduzione di Gabriella Sobrino)

c. 1862

da “Emily Dickinson, Poesie”, Newton Compton, Roma, 1987

∗∗∗

580

I gave myself to Him –
And took Himself, for Pay,
The solemn contract of a Life
Was ratified, this way –

The Wealth might disappoint –
Myself a poorer prove
Than this great Purchaser suspect,
The Daily Own – of Love

Depreciate the Vision –
But till the Merchant buy –
Still Fable – in the Isles of Spice –
The subtle Cargoes – lie –

At least – ’tis Mutual – Risk –
Some – found it – Mutual Gain –
Sweet Debt of Life – Each Night to owe –
Insolvent – every Noon –

Emily Dickinson

da “Poems”, a cura di Mabel Loomis Todd e Thomas W. Higginson, Boston, Robert Brothers, 1891

«Ha una sua solitudine lo spazio,» – Emily Dickinson

Will Barnet, Woman by the Sea

1695

Ha una sua solitudine lo spazio,
solitudine il mare
e solitudine la morte – eppure
tutte queste son folla
in confronto a quel punto più profondo,
segretezza polare,
che è un’anima a cospetto di se stessa –
infinità finita.

Emily Dickinson

(Traduzione di Margherita Guidacci)

da “Tutte le poesie”, “I Meridiani” Mondadori, 1997

∗∗∗

1695

There is a solitude of space
A solitude of sea
A solitude of death, but these
Society shall be
Compared with that profounder site
That polar privacy
A soul admitted to itself –
Finite infinity.

Emily Dickinson

da “The Single Hound: Poems of a Lifetime”, a cura di Martha Dickinson Bianchi, Boston, Little, Brown & Co, 1914

«Per te io curo questi fiori,» – Emily Dickinson

Michael Klein, At Rest, 2008, olio su tela

339

Per te io curo questi fiori,
fulgido assente!
Si fendono le vene di corallo
della mia fucsia – ed io semino e sogno –

I gerani si tingono di chiazze –
umili margherite si frastagliano –
dirada il cactus le spinose punte
per mostrare la gola –

Stilla aromi il garofano
presto colti dall’ape –
un giacinto nascosto
sporge il capo arruffato –
esalano profumi
da fiale così tenui
che ti domandi come li serbassero –

Fiocchi di raso spargono le rose
sferiche sulla ghiaia del giardino –
pure – tu non sei qui –
e vorrei che i miei fiori
non avessero più rossi colori–

Che sia felice il fiore
e il suo signore – assente –
mi dà solo dolore –
in un calice grigio mi rinchiudo –
umilmente – per esser d’ora in poi
la tua margherita –
in lutto di te!

Emily Dickinson

c. 1862

(Traduzione di Silvio Raffo)

da “Tutte le poesie”, “I Meridiani” Mondadori, 1997

∗∗∗

339

I tend my flowers for thee –
Bright Absentee!
My Fuchsia’s Coral Seams
Rip – while the Sower – dreams –

Geraniums – tint – and spot–
Low Daisies – dot –
My Cactus – splits her Beard
To show her throat –

Carnations– tip their spice –
And Bees –pick up –
A Hyacinth – I hid –
Puts out a Ruffled Head –
And odors fall
From flasks – so small –
You marvel how they held –

Globe Roses –break their satin glake – 
Upon my Garden floor –
Yet – thou – not there –
I had as lief they bore
No Crimson – more –

Thy flower – be gay –
Her Lord – away!
It ill becometh me –
I’ll dwell in Calyx – Gray –
How modestly – alway –
Thy Daisy –
Draped for thee!

Emily Dickinson

da “The Complete Poems of Emily Dickinson”, Thomas H. Johnson, ed., Boston, Mass.: Little, Brown, and Company, 1929

«È la “speranza” una creatura alata» – Emily Dickinson

Foto di Susan De Witt

Foto di Susan De Witt

254

È la “speranza” una creatura alata
che si annida nell’anima –
e canta melodie senza parole –
senza smettere mai –

E la senti dolcissima nel vento –
e ben aspra dev’esser la tempesta
che valga a spaventare il tenue uccello
che tanti riscaldò –

Nella landa più gelida l’ho udita –
sui più remoti mari –
ma nemmeno all’estremo del bisogno
ha voluto una briciola – da me.

Emily Dickinson

c. 1861

(Traduzione di Silvio Raffo)

da “Tutte le poesie”, “I Meridiani” Mondadori, 1997

∗∗∗

254

“Hope” is the thing with feathers –
That perches in the soul –
And sings the tune without the words –
And never stops – at all –

And sweetest – in the Gale – is heard –
And sore must be the storm –
That could abash the little Bird
That kept so many warm –

I’ve heard it in the chillest land –
And on the strangest Sea –
Yet, never, in Extremity,
It asked a crumb – of Me.

Emily Dickinson

c. 1861

da “Poems”, a cura di Mabel Loomis Todd e Thomas W. Higginson, Boston, Robert Brothers, 1891