Alba – Giorgio Caproni

André Kertèsz, Bistro, Paris, 1927


Amore mio, nei vapori d’un bar
all’alba, amore mio che inverno
lungo e che brivido attenderti! Qua
dove il marmo nel sangue è gelo, e sa
di rifresco anche l’occhio, ora nell’ermo
rumore oltre la brina io quale tram
odo, che apre e richiude in eterno
le deserte sue porte?… Amore, io ho fermo
il polso: e se il bicchiere entro il fragore
sottile ha un tremitío tra i denti, è forse
di tali ruote un’eco. Ma tu, amore,
non dirmi, ora che in vece tua già il sole
sgorga, non dirmi che da quelle porte
qui, col tuo passo, già attendo la morte!

Giorgio Caproni

1945. 

da “Il «Terzo libro» e altre cose”, Einaudi, Torino, 1968

6 commenti su “Alba – Giorgio Caproni

  1. Lorenzo Martinotti ha detto:

    Attento che al verso 5 è “rifresco” e non “rinfresco”, che cambia tutto il senso perché è un dialettismo che indica un odore sgradevole!

  2. Domenico Aliperto ha detto:

    gran bella atmosfera e sonorità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...