Motel California – Andrea Galgano

Edward Hopper, Hotel Room, 1931

 

La chiara notte delle blue highways
ha suono di gomma
semiassi che annunciano i bui temporali
biglie di sapone e asciugamani pellegrini

la deriva degli stati
è metallo inabitabile
una targa che copia il Missouri
una banda di inverni inversi e saluti
la radio che spolvera il vento

il motel sulla Interstate
segue la tersura delle stelle-lupo
attende un amico di una notte senza sogni
la ragazza bionda con gli stivali bianchi
e le gambe nude
è un bacio in linea retta
e promessa di risveglio vaporato di luce nera
per un lavoro sporco

sussurrare la vita
come flettere il deserto
verso la città serpente
per abbandonare i nimbi sdraiati
e aspettare l’aurora regale del cuore coguaro
infilata nella lenza delle piogge
di sole debole
trasparire poi come cuore mogano
per reclinare il vago rosso
dei tramonti andati, della fatale benzina
della paura vacua del sonno
con un cappello fino ai denti
nel viso braccato e stanco
di tenerezze d’aria.

Andrea Galgano

da “Downtown”, Aracne editrice, 2015

Andrea Galgano, Downtown, Aracne editrice, 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...