«C’è nascosto qualcosa in me che mi tocca» – Franco Loi

Semivan Lauren, Echo, 2013

 

C’è nascosto qualcosa in me che mi tocca
quando fiato l’aria, le parlo, e lei
passa come sempre passa l’aria
nel gioco della luna e quelle stelle dietro…
Non so cosa sia, quel dirmi tra me, nel sentire
la mia voce, quell’aria d’anni trascorsi
che attraversano il mondo e il sentimento…
Ma c’è qualcosa che tocca nella vita
e fa memoria ai richiami del vento.

Franco Loi

da “Isman”, Einaudi, Torino, 2002

***

Mí g’û scundü quajcoss che mí me tucca
quan’ fiadi l’aria, mí ghe parli, e lé
la passa cume semper passa l’aria
nel giögh de lüna e quj stèll dedré…
Sú no sé sia, quèl dím tra mí, nel sent
la vûs de mí, quèl’aria d’ann indré
che te traversa el mund e ‘l sentiment…
Ma gh’è ‘n quajcoss che tucca ne la vita
e fa memoria ai reciàm del vent.

Un commento su “«C’è nascosto qualcosa in me che mi tocca» – Franco Loi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...