Suite del ’53 – Giacinto Spagnoletti

Emilio Sommariva, Hands, 1935

 

I

Se appena abbandoni le tue mani
sul lenzuolo, accade come ai passeri
quando scorgono briciole di pane
sul davanzale: avanzano, indietreggiano,
sempre più timorosi. Così avvicino
le labbra alle tue mani
e sento quel biancore, quella grazia.

II

Vorrei non fosse più giorno né notte,
ma solo una catena di sospiri
ininterrotti. E questa morbida intesa
di corpi contenesse un tempo solo,
un unico silenzio meridiano
solcato dal respiro di noi due.

III

Davvero non so immaginarti
con i capelli scarmigliati
o troppo bene pettinati a onde.
Lisci e divisi in bande
sono sillabe che incorniciano
il tuo volto, sono i miei pensieri
staccatisi da me a confondersi
con i tuoi.

Giacinto Spagnoletti

da “Poesie raccolte: 1940-1990”, Garzanti, 1990

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...