da «Bianco» – Octavio Paz

Foto di Jerry Uelsmann

Foto di Jerry Uelsmann

 

[…]

i fiumi del tuo corpo                            il fiume dei corpi
paese di pulsazioni                              astri infusori rettili
entrare in te                                          torrente di cinabro sonnambulo
paese d’occhi sigillati
acqua senza pensieri                           mareggiare delle genealogie
entrare in me                                        giochi coniugazioni giullerie
entrando nel tuo corpo                       soggetto e oggetto obbietto e assolto
paesi di specchi in veglia
paese d’acqua sveglia                          fiume di soli
nella notte sopita                                 “le alte fiere di pelle lucente”
                                                                 scorre il fiume seminale dei mondi
                                                                 l’occhio che lo guarda è un altro fiume

mi guardo in ciò che guardo             ciò ch’io vedo è mia creazione
come entrare dai miei occhi              la percezione è concezione
in un occhio più limpido                     acqua di pensieri
mi guarda ciò che guardo                  sono la creazione di ciò che vedo

delta di braccia desideranti               acqua di verità
in un letto di vertigini                                                        verità d’acqua                                                     La trasparenza è tutto ciò che rimane

[…]

Octavio Paz

(Traduzione di Franco Mogni)

da “Bianco” (1966), in “Octavio Paz, Vento Cardinale e altre poesie”, “Lo Specchio” Mondadori, 1984

***

de «Blanco»

[…]

los ríos de tu cuerpo                            el río de los cuerpos
país de latidos                                       astros infusorios reptiles
entrar en ti                                            torrente de cinabrio sonámbulo
país de ojos cerrados
agua sin pensamientos                       oleaje de las genealogías
entrar en mí                                           juegos conjugaciones juglarías
al entrar en tu cuerpo
país de espejos en vela                        subyecto y obyecto abyecto y absuelto
país de agua despierta
en la noche dormida                           río de soles
                                                                 “las altas fieras de la piel luciente”
                                                                 rueda el río seminal de los mundos
                                                                 el ojo que lo mira es otro río

me miro en lo que miro                      es mi creación esto que veo
como entrar por mis ojos                   la percepción es concepción
en un ojo más límpido                        agua de pensamientos
me mira lo que miro                           soy la creación de lo que veo

delta de brazos del deseo                   agua de verdad
en un lecho de vértigos                                                     verdad de agua
                           La trasparencia es todo lo que queda

[…]

 Octavio Paz

da “Blanco”, Joaquín Mortiz, México, 1967

Blanco andrebbe letto come successione di segni su pagina unica; col progredire della lettura, la pagina si sdoppia: spazio che muovendosi lascia apparire il testo e in qualche modo lo produce. Come il viaggio immobile a cui ci invita un rotolo di dipinti ed emblemi tantrici: se lo stendiamo, sotto i nostri occhi si svolge un rituale, una specie di processione o pellegrinaggio – verso dove? Lo spazio fluisce, genera un testo, lo dissipa – trascorre come se fosse tempo. A questa disposizione temporale, forma assunta dal corso del poema, dal suo di-scorso, ne corrisponde un’altra, spaziale: le differenti parti che lo compongono sono distribuite come regioni, colori, simboli, figure di un mandala… Caratteri tipografici e rilegatura di Blanco prima edizione volevano sottolineare la presenza, più che del testo, dello spazio che lo sorregge: ciò che rende possibili scrittura e lettura, ciò a cui approda ogni scrittura, ogni lettura.
Blanco è una composizione che offre la possibilità di più letture:
a) nel suo insieme, in quanto testo unico;
b) la colonna centrale è una poesia che affronta il tema della transizione della parola, dal silenzio al silenzio (da ciò che è « in bianco » a ciò che è bianco – al blanco inteso come centro o bersaglio) attraverso quattro stadi: giallo, rosso, verde, azzurro;
c) la colonna a sinistra è una poesia erotica in quattro fasi corrispondenti ai quattro elementi tradizionali;
d) la colonna a destra è un’altra poesia, in contrappunto con quella precedente, composta di quattro variazioni su sensazione, percezione, immaginazione, intendimento;
e) a prescindere da questa divisione, ciascuna delle quattro parti, singolarmente costituite da due colonne, può essere letta come testo unico: quattro poesie indipendenti;
f) la colonna centrale può essere letta come sei poesie sciolte, le colonne laterali, come otto. (Franco Mogni)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...